versione italiana : For the Tourists



Reception and Accomodation


Typical products and artecrafts


The Carnival


Eventi e Manifestazioni


What one needs to know


Elenchi professioni turistiche anno 2015

CHURCH OF S. MARIA della ROCCA

Via Roma Offida (AP)

links: Paintings and frescoes inside the church


Foto della Chiesa di Santa Maria della Rocca: a destra di giorno a sinistra di notte
Church of Santa Maria della Rocca, 14th century
(on the right: S.Maria della Rocca by night)

In the year 1039 Longino d’Azzone, a gentleman from Offida of Frank or German origins, gave to the Abbey of Farfa (that in the Marche region had its main religious centre in S. Vittoria in Matenano, in the territory of Fermo) a large part of his possessions that extended from the Tronto to the Aso rivers, from the Polesio (Mount Ascensione) to the Adriatic Sea. He also donated the Castle of 0ffida and the church of S. Maria della Rocca.

Offida became a possession of the Benedictine monks around the year 1047, after the abbot of Farfa, Berardo I, had settled the donations of Farfa with the bishop of Ascoli, Count Urbano.

The former small church of S. Maria was partly demolished when the monks were about to build the new church, in the year 1330, as written on an inscription in a corner of the external wall of the church.

The new church, should have been wider than the earlier church; therefore two corridors had been made out of the old walls and the new ones; one of them was assigned to cemetery use.

Foto della Chiesa di Santa Maria della Rocca
Santa Maria della Rocca

The church should also have been longer than the former church. Thus, the monks built a cenoby on the south side of the church and next to it.

As reported by the local architect Vincenzo Petrocchi, the author of a study on the matter, the modifications are more evident for a projecting line of bricks against the wall, below the larger windows.

This would also be confirmed by the perspective plan worked out by Ferdinando Fabiani from Offida, in 1694.

The cenoby likely consisted of a ground floor used as an arcade-cloister and also of a first floor assigned to the cells.

In the middle of the cloister was a well, which is still there. The cenoby had been widened to East with the construction of the new sacristy. Up to some time ago, clear traces of plaster would show such modifications, more evident on the east side of the tower and in the corresponding south area of the apse.

To testify the modifications, again, is a door, now walled up, situated beside the right-hand chapel.

Three front doors led into the crypt; two of them stood to the South and were used by the monks; the other door, to the North, was for the parishioners.

In the 16th century, after the 1511 plague, the whole crypt likely became a burial ground, while the upper floor of the church was completed and totally cut off from the lower floor.

At present a spiral staircase, in the inside, leads to the crypt.

In the 16th century, the Offida people had realized that, for their own good, it would have been better to have a local prior rather than a foreigner. Therefore, the representatives of the town people, through the abbot feudal count of Farfa, Cardinal Ranuccio Farnese, asked and obtained that the monks of Farfa would retire from S. Maria in 1562.

As a consequence of that, a College of priests was found; it consisted of eighteen religious men, among which monks and priests who decided that the prior should be a monk from 0ffida.

In 1735 the upper part of the church underwent other modifications by order of the bishop of Ascoli, monsignor Paolo Tommaso Marana (bishop from 1728 to 1755).

Toward the end of the eighteenth century the annexe outlying monastery was demolished and part of the material was used for the construction of the new Collegiata (the works started in 1785).

At the beginning of the 20th century, against the bell tower, was built the actual residence to be used by the church attendants. On the 17th of April, 1887 had been worked out a first project for a supporting wall to be erected on the north side of the cliff, upon which stands the church.

Foto del portale dell'ingresso della cripta
Portal of the crypt

In 1891 the church became an ownership of the Commune. In 1893 the Ministry of Public Works, by note of March the 21st, entrusted the Department of Regional Monuments of Ancona, with the drawing up of a new project to reinforce the whole structure, for an amount of 6202,28 Lire. Considered that the project was too expensive, they decided to build only a wall in the north side of the cliff.

The works were carried out under the direction of engineer Cesare Micheli.

Because of the rainfalls which - near the end of 1896 - had caused further damages, the church needed to be reinforced. The works started in 1914 and had been completed by 1927, when the trusses were replaced and the roof was restored.

By a note of the 28th of June, 1940 the local podestà (the local authority of medieval times, n.d.t..) asked to heighten the supporting wall in the upper part of the cliff facing North.

The 1943 earthquake had seriously damaged the monument; the upper part of the bell tower collapsed but it would have been rebuilt, later on, lower however than the former one.

By 1946 the works of reinforcement of the cliff had been completed. In the years 1972-73, during the excavation inside the church of S. Maria della Rocca, were found two eleventh-century tomb lead plates with inscriptions referring to Wburga and Retrude, respectively daughter and wife of Longino d’ Azone.

So far, such plates are kept by the Monuments (and Fine Arts) Office of Ancona.

The last restoration works of the frescoes, the reconstruction of the roof with wooden frameworks identical to the earlier ones, the setup of the crypt and the flooring works have been done in recent years and started in 1974.

The official reopening of the church was on the 2nd of June, 1986.

Crypt and Upper floor

Foto dell'interno della cripta
A glimpse of the crypt

The church stands on a cliff to the West of 0ffida. It has a square-base bell tower, on top of which is an octagonal-pyramid shape cusp.

The church is a Romanesque-Gothic fired brick edifice, scanned by elegant travertine pilasters and adorned, on top, with a double line trefoil arches.

The crypt stands on top of a staircase enclosed between two walls; the fourteenth-century spiral portal is carved in travertine marble and shows foliage and animals figures.

Crossed the doorway of the crypt, you come into a polygonal hemicycle (central apse) whose vault consists of four fired brick columns in the Lombard style and capitals rounded off to the angles and decorated with ovals (niches) supporting ogee and round arches.

In the central apse are frescos by the Master of Offida (14th-15th centuries): "the mystical wedding of S. Caterina", to the left; "S. Cristoforo", "the Madonna with Child and two angels", to the right.

To the right, again, an ancient travertine funerary urn which is now used as holy-water basin.

On both sides of the hemicycle there are two polygonal chapels divided into gores by ribs that, from ground, rise upward to the middle of the vault.

On the altar of the chapel-apse, to the left, leans a sandstone slab crossed, in the upper-middle part, by a groove; they think that the stone would come from a pagan altar and the groove was there in order to let flow out, within the cup of the priest, the victims' blood.

In the chapel are kept other frescos by the Master of Offida: "S. Caterina of Alessandria, the Annunciation”, among them, and to the left on the wall near the chapel,"The Madonna del Latte”, “S. Ludovico da Tolosa”, “S. Onofrio and S. Stefano"and last, "The Virgin with child and S. Antonio"dating from 1423, by the Master Ugolino di Vanne from Milan (14th-15th centuries).

In the chapel-apse to the right, other frescos by the Master of Offida:

"The life of S. Lucia", "The Crucifixion", “Coronation of the Virgin Mary", "The Madonna of the Mercy and S. Giovanni the Evangelist."

Other four columns and two pillars separate the hemicycle and the chapels from the remaining crypt.

Going up three brick steps you enter the so called primary church.

It is divided in three parts by two rows of columns and two rows of half-columns against the walls.

The columns are all fired brick columns, except one that is a stump of travertine column.

The bases too are made of fired brick, except one which is made of travertine marble. On the southern outside wall, are three small round arches windows and a doorway.

On the north side there is only a small window and a grave enclosed with a masonry.

The floor, made of terracotta tiles, is of recent date (1986).

Foto della cappella abside presente aall'interno della cripta e situata sulla destra
Crypt, chapel-apse to the right

To the West and beyond the wall of the small church, is a space divided in four parts by three rows of columns. At the space end, to the right, a small spiral staircase leads to the upper part of the church, Latin cross-shaped, with a single aisle outlined transept, characterized by trusses placed there in order to be seen.

The side walls are bare and cut off, to the South, by three oblong large windows, two of which are open while the other one is walled up.

The large window on the south side of the transept has been recently reopened. On the wall and in the ambo, to the right, are other works by the Master of 0ffida; respectively “The Burial of Jesus"and "The Crucifixion."

On the left-side wall is a pictorial work by Brother Marino Angeli of S. Vittoria (15th century), portraying "The Madonna del Latte with S. Sebastiano"

At the far end is the apse, lightened by two oblong windows and decorated with ribs which, from ground, rise upward and meet to the top of the vault.

In the basin of the main apse is a work by the Master Ugolino di Vanne from Milan showing "Seven Prophets, eight Holy Virgins, ten musician Angels."

In the lower left side of the main apse is a fragment of votive fresco, commissioned by the local commander Baldassarre Baroncelli, dated 23rd November, 1423.

In the lower part, in the middle of the main apse, is the "Escape to Egypt"by the Master of Offida. On the north wall, half height, is an ambo with a sixteenth-century wooden statue showing "S.Benedetto of Norcia".

Foto del'interno della Chiesa superiore
Inside of the upper Church

To reach the ambo you must go up a small staircase enclosed with the wall depth.

On the opposite side stands another ambo that, in ancient times, contained a wooden choir with organ.

At the ambo end, to the right of whom enters, is the baptismal font where the Beato Bernardo of 0ffida was baptized.

The upper floor of the church can also be easily reached by an external fired brick staircase.

The main façade, to the West, is vertically divided in three parts by pilasters with a travertine portal supported by small travertine pillars. The portal itself is dominated by a beautiful oak wood rose window.

Some of the paintings kept in the church of S.Maria della Rocca.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nell’anno 1039 Longino d’Azone, un signore di Offida di origine franca o tedesca, donava all’Abbazia di Farfa (che nelle Marche aveva il centro di riferimento a S. Vittoria in Matenano, nel Fermano) gran parte dei suoi possedimenti che si estendevano dal Tronto all’Aso, dal Polesio (Ascensione) all’Adriatico e con questi anche il castello di 0ffida e la chiesa di S. Maria della Rocca.

Offida diventò possedimento dei monaci benedettini intorno al 1047, dopo che l’abate di Farfa, Berardo I, ebbe sistemato con il vescovo di Ascoli, conte Urbano, le donazioni di Farfa.

La chiesuola di S. Maria venne parzialmente demolita quando i monaci pensarono di edificare la chiesa attuale e ciò accadde, come da epigrafe presente in un angolo del muro esterno della chiesa, nell’anno 1330.

La nuova chiesa prevedeva una maggiore larghezza rispetto a quella esistente; quindi tra i vecchi muri e quelli nuovi furono ricavati due spazi, uno dei quali fu destinato a cimitero.

Tale chiesa prevedeva anche una maggiore lunghezza rispetto alla chiesa esistente.

Costruirono un cenobio, appoggiandolo alla chiesa dal lato di mezzogiorno.

Tale lavoro, così sostiene l’architetto offidano Vincenzo Petrocchi, autore di uno studio sull’argomento, risulta con chiarezza in quanto a ridosso del muro della chiesa si evidenzia, sotto i finestroni, una fila sporgente di mattoni.

Ciò sarebbe avvalorato anche dalla piantina prospettica di Ferdinando Fabiani, offidano, elaborata nel 1694.

Tale cenobio era costituito, con molta probabilità, da un piano terra adibito a portico-chiostro e da un primo piano riservato alle celle.

Al centro del chiostro era presente, come si può vedere, un pozzo, Il cenobio fu ampliato ad Est con la costruzione della nuova sagrestia.

Foto del portale dell'ingresso della cripta
Portale della cripta

Tracce di intonaco, fino a qualche tempo fa visibili, dimostrerebbero tali modifiche, evidenti nella parte Est della torre e nella corrispondente zona Sud dell’abside.

Ciò sarebbe anche avvalorato dalla presenza di una porta, attualmente murata, situata a fianco della cappella di destra. Tre ingressi immettevano nel vano della cripta; due si trovavano a Sud ed erano riservati ai monaci ed uno a Nord, riservato ai fedeli. Nel sec. XVI, forse per ridurre a cimitero tutto il sotterraneo dopo la pestilenza del 1511, fu completato il piano superiore della chiesa e fu tolta ogni comunicazione con il piano inferiore.

Attualmente la comunicazione fra i due piani è assicurata da una scala a chiocciola interna.

Sempre nel sec. XVI, i cittadini di Offida si resero conto che, per il bene della Comunità, sarebbe stato meglio avere un priore offidano piuttosto che uno forestiero, a tale proposito i rappresentanti del popolo offidano, per mezzo dell’abate conte feudatario di Farfa, cardinale Ranuccio Farnese, chiesero ed ottennero nel 1562 la soppressione dei monaci farfensi di S. Maria.

In conseguenza di ciò fu creato un collegio canonicale composto da diciotto (18) sacerdoti fra monaci e preti e si stabilì che il priore dovesse essere un monaco di 0ffida.

Nel 1735 la parte superiore della chiesa subì altri mutamenti per ordine del vescovo di Ascoli, monsignor Paolo Tommaso Marana (vescovo daI 1728 al 1755).

Verso la fine del diciottesimo secolo fu demolito l’annesso monastero e parte del materiale fu utilizzato per la costruzione della nuova Collegiata (i lavori iniziarono nel 1785).

Foto della Chiesa di Santa Maria della Rocca
Santa Maria della Rocca

Agli inizi del sec. XX fu costruita, addossata al campanile, l’attuale abitazione da destinare al personale di custodia della chiesa. 1117 Aprile 1887 veniva elaborato un primo progetto per un muro di sostegno da erigersi nel lato Nord della rupe su cui poggia la chiesa.

Nel 1891 la chiesa passava in proprietà al Comune. Nel 1893 il Ministero dei LL. PP., con nota 21 Marzo, incaricava l’Ufficio Regionale dei Monumenti di Ancona, di redigere un nuovo progetto per il consolidamento del tempio, per un importo di L. 6.202,28. Considerata l’eccessiva spesa il progetto fu ridotto e si eresse un muro solo nella parte Nord della rupe. I lavori furono eseguiti sotto la direzione dell’ing. Cesare Micheli.

Nuovi danni si ebbero sul finire dell’anno 1896 a causa delle precipitazioni piovose e si resero necessari quindi ulteriori lavori di consolidamento che furono effettuati neI 1914 e nel 1927, con la sostituzione delle capriate e il restauro del tetto. In una nota del 28 Giugno 1940 il podestà di Offida chiedeva di prolungare in altezza il muro di sostegno nella parte superiore della rupe rivolta a Nord.

Con il terremoto del 1943 il monumento subì gravi danni, come il crollo della parte superiore del campanile, che venne ricostruito, successivamente, più basso però di quello preesistente. Nel 1946 furono portati a compimento i lavori di consolidamento della rupe. Negli anni 1972-73, durante i lavori di scavo all’interno della chiesa di S. Maria della Rocca, furono rinvenute due lastre di piombo con scritte sepolcrali del sec. Xl che si riferiscono a Wburga e Retrude, rispettivamente figlia e moglie di Longino d’Azone.

Tali lastre sono tutt’oggi depositate presso la Sovrintentenza ai Monumenti di Ancona.

Gli ultimi lavori di restauro degli affreschi, di rifacimento del tetto con strutture in legno uguali a quelle esistenti, di sistemazione della cripta e di pavimentazione sono recenti, e si sono svolti a partire dal 1974.

La riapertura del tempio al pubblico è avvenuta il 2 giugno 1986.

Cripta e piano superiore

Foto dell'interno della cripta
Scorcio della cripta

La chiesa si erge su un dirupo ad Ovest di 0ffida con un campanile a pianta quadrata, terminante a cuspide piramidale ottagonale.

È un tempio romanico-gotico in laterizio, rigato da eleganti lesene di travertino e decorato, alla sommità, con una doppia fila di archetti trilobati.

Attraverso una gradinata chiusa tra due ali di muro, si accede alla cripta che presenta un portale in travertino scolpito a fogliame (sec. XIV), a tortiglioni ed animali.

Varcata la porta del sotto tempio ci si immette in un emiciclo poligonale (abside centrale) alla cui volta servono da fulcro quattro colonne in laterizio di stile lombardo con capitelli smussati agli angoli e decorati da ovali sorreggenti arcate a sesto acuto e a tutto sesto. Nell’abside centrale si evidenziano dipinti attribuiti al Maestro di Offida (sec. XIV-XV): "lo sposalizio mistico di S. Caterina", a sinistra; "S. Cristo foro", "la Madonna con Bambino e due angeli", a destra. Sempre a destra è posta un’antica urna cinerana in travertino che ora serve come pila per acqua-santa. In entrambi i lati dell’emiciclo ci sono due cappelle poligone divise a spicchi da costoloni che da terra salgono ad incontrarsi al centro della volta.

Sull’altare della cappella-abside di sinistra poggia un lastrone di arenaria, percorso superiormente da un cataletto, si pensa che tale pietra sia appartenuta ad un altare pagano e il canaletto sia servito per fare defluire, entro la coppa del sacerdote, il sangue delle vittime. In tale cappella si trovano altre pitture del Maestro di Offida: "S. Caterina d’Alessandria, l’Annunciazione".

Ancora sulla parete a sinistra nei pressi della cappella, altri dipinti dello stesso autore: "La Madonna del Latte, S. Ludovico da Tolosa, S. Onofrio e S. Stefano" e infine, del Maestro Ugolino di Vanne da Milano (sec. XIV-XV): "La Vergine col figlio e S. Antonio" del 1423.

Foto della cappella abside presente aall'interno della cripta e situata sulla destra
Cripta: cappella di destra

Nella cappella-abside di destra, altri dipinti del Maestro di Offida: "Le storie di S. Lucia", "Crocifissione", "lncoronazione della Vergine", "La Madonna della Misericordia e S. Giovanni Evangelista".

Altre quattro colonne e due pilastri dividono emiciclo e cappelle dalla rimanente cripta.

Si salgono tre gradini in laterizio e ci si immette in quella che era la chiesa originaria.

Essa è divisa in tre parti da due file di colonne e due di semi-colonne addossate ai muri. Le colonne sono tutte in laterizio, tranne una che è un tronco di colonna in travertino. Le basi delle colonne sono anch’esse in laterizio, fatta eccezione per una che è in travertino.

Sul muro perimetrale Sud, si notano tre piccole finestrine strombate ad arco a tutto sesto ed una porta di accesso. Sul lato Nord vi sono una sola finestrella ed una tomba ricavata nella muratura.

La pavimentazione, in cotto, è stata eseguita di recente (1986). Andando verso Ovest e oltrepassando il muro della chiesuola, ci troviamo in un vano diviso in quattro parti da tre file di colonne, In fondo, a destra, una scaletta a chiocciola immette nella chiesa Superiore che si presenta a croce latina, con transetto appena pronunciato ad una sola navata, con capriiate a vista.

Le pareti laterali sono nude e interrotte sul lato Sud da tre finestroni oblunghi, due aperti e uno murato.

Il finestrone che si affaccia sul lato Sud del transetto è stato riaperto di recente. Nella parete e nell’ambone, a destra, altre opere del Maestro di 0ffida.

Rispettivamente "La Sepoltura di Gesù" e "La Crocifissione". Nella parete di sinistra un’opera pittorica di Frà Marino Angeli da S. Vittoria (sec. XV), raffigurante "La Madonna del latte con S. Sebastiano" In fondo si apre l’abside illuminata da due finestre oblunghe e corsa dal basso verso l’alto da costoloni che si incontrano al sommo della volta.

Nel catino dell’abside maggiore un’opera del Maestro Ugolino di Vanne da Milano raffigurante "Sette Pro feti, otto Sante Vergini, dieci Angeli musici".

Nella zona inferiore sinistra dell’abside maggiore un frammento di affresco votivo, commissionato dal condottiero affidano Baldassarre Baroncelli, datato 23 Nov. 1423.

Nella zona inferiore, al centro dell’abside maggiore, "Fuga in Egitto" del Maestro di Offida. Sulla parete Nord, a mezza altezza, vi è un ambone, ove è sistemata una statua lignea del XVI sec. rappresentante "S.Benedetto da Norcia".

AlI’ambone si accede attraverso una scaletta ricavata nello spessore del muro. Sul lato opposto si erge un altro ambone che, anticamente, conteneva una cantoria in legno con organo. In fondo, a destra di chi entra, è sistemato il fonte battesimale nel quale fu battezzato il beato Bernardo di 0ffida.

Foto del'interno della Chiesa superiore
Interno della Ciesa superiore

Al piano superiore della chiesa si accede anche da una scala esterna in laterizio. La facciata principale, lato Ovest, è divisa verticalmente in tre parti da lesene con un portale in laterizio sorretto da pilastrini in travertino. Il portale è sovrastato da un bellissimo rosone in legno di quercia.