Avviso - 06/12/2021

Ordinanza n. 89/2021-Emergenza Coronavirus Covid 19-Sospensione attività didattica

Ordinanza n. 89 del 06/12/2021

RILEVATO che la diffusione del virus COVID 19 ha determinato una situazione per la quale è stata dichiarata l’emergenza ed in relazione alla quale son ostati adottativari provvedimenti finalizzati al contenimento del contagio ed alla migliore gestione delle situazion di criticità derivanti dallo stesso con la definizione di misure rivolte sia ai cittadini sia alle organizzazioni pubbliche e private;

EVIDENZIATO che:

  • il Consiglio dei Ministri, a seguito della dichiarazione di emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale del focolaio del nuovo coronavirus COVID-19 del 30/01/2020 da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha deliberato, in data 30/01/2020 lo stato di emergenza nazionale, per la durata di mesi sei, in conseguenza del rischio sanitario connesso all’infezione da covid-19;
  • la dichiarazione dell'Organizzazione mondiale della sanità dell'11 marzo 2020 con la quale l'epidemia da COVID-19 è' stata valutata come «pandemia» in considerazione dei livelli di diffusività e gravità raggiunti a livello globale;

VISTI:

  • il decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”, convertito con modificazioni, dalla legge 5 marzo 2020, n. 13, successivamente abrogato dal decreto-legge n. 19 del 2020 ad eccezione dell’art.3, comma 6-bis, e dell’art.4;
  • il decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni dall’art. 1, comma 1, della legge 22 maggio 2020, n. 35, recante “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19” e in particolare gli articoli 1 e 2, comma 1;
  • il decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito con modificazioni dall’art, 1, comma 1, della legge 14 luglio 2020, n. 74, recante “Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19”;
  • il decreto-legge 30 luglio 2020, n. 83, convertito con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 25 settembre 2020, n. 124, recante “Misure urgenti connesse con la scadenza della dichiarazione di emergenza epidemiologica da Covid-19 deliberata il 31 gennaio 2020”;
  • il decreto-legge 7 ottobre 2020, n. 125, recante “Misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19 e per la continuità operativa del sistema di allerta Covid, nonché per l’attuazione della direttiva (UE) 2020/739 del 3 giugno 2020”;
  • i decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri del 13 ottobre 2020, 24 ottobre 2020 e 3 novembre 2020 recanti “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19, e del decreto-legge del 16 maggio 2020, n. 33, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2020, m. 74, recante “Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19”;
  • le delibere del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020, del 29 luglio 2020 e del 7 ottobre 2020, con le quali è stato dichiarato e prorogato lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;
  • il decreto legge n. 105 del 23 luglio 2021 che proroga lo stato di emergenza dovuto alla pandemia da Covid – 19 fino al 31 dicembre 2021;

CONSIDERATO l’evolversi della situazione epidemiologica, il carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia e l’incremento dei casi sul territorio comunale;

EVIDENZIATO che nella scuola primaria di Offida, facente parte dell’Istituto Comprensivo Falcone e Borsellino, in data 01/12/2021, si è verificato un caso di positività al Covid-19 a cui se ne sono aggiunti altri nei giorni successivi;

RICHIAMATA la comunicazione del Dirigente Scolastico, inviata con prot. n. 15250/A16b del 06/12/2021, con la quale comunica che, a seguito della positività riscontrata, il SISP, in data 05/12/2021 ha disposto la quarantena per gli alunni delle classi 1A e 3A e per i nove docenti presenti nelle suddette classi, fino al 15/12/2021;

TENUNTO CONTO della situazione epidemiologica in evoluzione che determina la necessità di valutare e monitorare attentamente e costantemente gli sviluppi della stessa in raccordo con il Servizio Igiene e Sanità Pubblica e mettere in atto tutto quanto possibile al fine di evitarne ulteriormente la diffusione;

RITENUTO di adottare misure che possano ridurre, per quanto possibile, i rischi per la salute pubblica ;

VISTO l’art. 32 della legge 833/1978 che attribuisce al Sindaco, in qualità di autorità sanitaria locale, le competenze in materia di adozione dei provvedimenti a tutela della salute pubblica;

VISTO l’art. 50 del D.lgs., 18 agosto 2000, n. 267 che prevede che “in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale le ordinanze contingibili e urgenti sono adottate dal Sindaco, quale rappresentante della comunità locale”;

Al fine di tutelare l’incolumità sia del personale docente che degli alunni le calssi interessate,

ORDINA

la sospensione delle attività didattiche in presenza per tutte le classi della primaria tempo pieno di questo Comune dal 6/12/2021 al 10/12/2021 per le motivazioni riportate in premessa e che qui si intendono integralmente riportate, rinviando a successivo atto eventuali ulteriori disposizioni.

DISPONE

Che l’Istituto scolastico provveda alle necessarie comunicazioni ed eventuali disposizioni per quarantene

Di pubblicare la presente all’albo pretorio e sul sito istituzionale dell’ente

Di comunicare il presente atto, per quanto di competenza al:

  • Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo Falcone e Borsellino;
  • Comandante Stazione Carabinieri Offida
  • Responsabile della Protezione Civile comunale
  • Responsbaile Servizio di Polizia Locale

- è fatto obbligo a chiunque spetti di osservare e far osservare il presente provvedimento;

COMUNICA

che contro il presente provvedimento può essere proposto ricorso amministrativo avanti al Prefetto di Ascoli Piceno entro 30 giorni dalla pubblicazione dello stesso all'Albo Pretorio, ai sensi del d.P.R. 24 novembre 1971, n. 1199; ricorso al Tribunale Amministrativo della Regione Marche entro 60 giorni dalla notifica o comunque dalla piena conoscenza dello stesso, ai sensi della L. 6 dicembre 1971, n. 1034, oppure in via alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, entro il termine di 120 giorni dalla notifica o dalla piena conoscenza del provvedimento medesimo, ai sensi del D.P.R. 24 novembre 1971, n. 1199.

IL SINDACO
(Massa Luigi)

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Infocookies